Dopo l’incontro del 21 novembre che ha visto coinvolti i plessi Edmondo De Amicis, Castellone e Vitruvio Pollione, il 10 aprile 2014 è stato il turno delle scuole primarie “Marco Polo” (Istituto Mattej) e del Primo Circolo di Maranola. Le due scuole hanno ospitato laboratori di educazione ambientale con la visione del cortometraggio “L’uomo che piantava gli alberi”, di Jean Giono e attività ludiche attraverso le quali gli operatori didattici hanno insegnato ai bambini a conoscere le parti dell’albero, le loro funzioni e le piccole curiosità della vegetazione presente nel bosco. Il progetto prende in prestito l’immaginario culturale e poetico che Italo Calvino consegnò alla bisaccia di Cosimo Piovasco di Rondò, protagonista de “Il Barone Rampante”, abitante di boschi utopici e antesignano della cultura ecologista. In base al progetto, quasi 2000 alberi saranno piantumati nell’arco di cinque anni, attraverso molteplici incontri che vedranno il coinvolgimento di ragazzi, istituti scolastici, associazioni e semplici cittadini.

 

10 Aprile 2014 | Formia

Lo scorso 21 Novembre presso la Sala Ribaud del Comune di Formia, in occasione della Giornata Nazionale della Festa dell’Albero, ha preso ufficialmente il via il progetto “Il Bosco di Cosimo” che mira alla realizzazione di un vero e proprio bosco urbano in 5 anni.
Il progetto, curato dalla Associazioni Seminaria Sogninterra, Archivio Aurunco e Calliope è patrocinato dal Parco dei Monti Aurunci, Parco Riviera di Ulisse e XVII Comunità Montana.
Il Bosco di Cosimo prende in prestito l’immaginario culturale e poetico che Italo Calvino ha consegnato alla bisaccia di Cosimo Piovasco di Rondò, Barone Rampante de “I Nostri Antenati”. Cosimo è un antesignano della cultura ecologista e ambientalista, quella di cui si fanno promotrici le tre associazioni e le Istituzioni di Formia.
Quasi 2000 alberi verranno piantumati nell’arco di 5 anni, attraverso molteplici incontri che vedranno il coinvolgimento di un numero progressivamente maggiore non solo di ragazzi ed Istituti Scolastici ma anche di associazioni e cittadini che vorranno contribuire a mettere nuove radici.
I laboratori didattici curati da Seminaria Sogninterra hanno guidato i bambini di tre scuole in un percorso di educazione ambientale. Lo scopo del gioco è quello di far collaborare i bambini per un obiettivo comune: insieme hanno disegnato la fisionomia di Cosimo, abitante di boschi utopici e fautore di un cambiamento con le radici forti e la chioma bella verde.

Il bosco di Cosimo
LABORATORIO ARTISTICO PER I BAMBINI
A cura di Marianna Fazzi
10 Aprile 2014
Maranola
back
next